Il bullismo femminile adulto

specchio17

Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

Ebbene sì, il bullismo non è solo un fenomeno che riguarda i giovani, ma può verificarsi ad ogni età. Il bullismo adolescenziale giovanile è gravissimo e va assolutamente trattato nella maniera adeguata, ma per questo lascio la parola agli esperti, in particolare agli psicologi.

Io mi limiterò ad analizzare e commentare quello che a mio avviso è un fenomeno sociale interessante ai nostri tempi: il bullismo femminile adulto.

Da quanto si legge anche in rete riguarda donne non necessariamente giovani, con gravi problemi relativi all’auto percezione della propria immagine, e diversi insuccessi alle spalle. Si tratta di donne complicate, spesso senza figli o con figli grandi, che hanno poca cura della propria persona o ce l’hanno maniacale.

Queste persone di fatto sono delle infelici, partendo dalla sfera sentimentale, ma anche in quella professionale o nelle amicizie. Sono in eterna competizione con gli altri, sotto tutti i punti di vista: invidia, gelosia e rivalità sono le loro parole d’ordine, specie nei confronti delle altre donne e hanno bisogno di un capro espiatorio che varia periodicamente.

L’importante per queste persone è essere al centro dell’attenzione di tutti, in particolare all’interno del gruppo dei pari del quale hanno un  bisogno smisurato di consenso. Tale consenso è tanto più prezioso, quanto più ottenuto da una persona più giovane, vincente, oppure ancora meglio di sesso maschile con i quali flirtano nonostante il loro interesse effettivo sia nullo.  Con le altre donne del gruppo, tendono ad avere un atteggiamento poco sincero, parlano a voce alta per farsi sentire da tutti, cercano le più fragili, fingono complicità, affinità, vittimismo  per poter avere delle adepte da plagiare, per sentirsi più forti e forse per colmare un grande vuoto attorno a loro, anche se di fatto disprezzano la maggioranza di coloro che le circonda.

Non bisogna farsi intenerire, sebbene con una situazione difficile, parliamo di donne bulle dunque di “predatori urbani”, il cui scopo sarà quello di nuocere agli altri per emergere maggiormente, per farsi notare, magari per fare carriera, più soldi o conquistare qualcuno o per non so quale obiettivo.

Come citano i testi, queste persone operano in maniera indiretta, tramite gossip, diffamazione, parole non dette, allusioni,  – esattamente come avviene nell’età adolescenziale! Usano provocazioni per poi fingersi loro le vittime e nei loro racconti manipolatori inseriscono  particolari veri che rendono le storie credibili, con tanto di lacrime e proposte di impersonare il ruolo di “giustiziere”delle cause perse. L’ambiente attorno a loro difficilmente sarà sano e felice.

Una volta identificata e riconosciuta questa forma di bullismo, che cosa fare? Possono esserci diversi rimedi per affrontarla, di fatto sono sconsigliati tutti i metodi che potrebbero fare degenerare la situazione. Gli articoli di pedagogia parlano di reinserimento e rieducazione, certo ma quando si tratta di persone in età ancora “recuperabile”. In questo caso invece parliamo di persone di una certa età, quindi la soluzione migliore è armarsi di tanta pazienza, non cadere nelle trappole puerili e fare tranquillamente la propria vita,  con la serenità e l’equilibrio che queste persone invece non riescono ad avere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...